Collezioni

 

Pic in Venice

Una città senza tempo che affascina ogni singolo occhio e regala la possibilità di immortalare scene magiche. Questa scatola, grazie a impeccabili tocchi di pennello e colori ad olio, diventa un album di fotografie di Venezia. Seguendo gli insegnamenti dei grandi Maestri del Rinascimento italiano è stato steso un fondo, prima della pittura, composto da gesso di Bologna, colla di bue, olio di lino crudo e cenere. Anche il legno di “briccola” riconduce alla città lagunare. Detti anche “paracarri del mare”, le “briccole” sono pali di Rovere conficcati nel fondale della laguna e usati come attracco per le imbarcazioni oltre a segnalare le vie per la navigazione e le maree.
 

The rumble in the jungle

Muhammad Alì e Foreman, protagonisti di uno dei più importanti incontri di box della storia, disputato il 30 ottobre 1974, diventano fonte d’ispirazione per un’altra opera. Un’impeccabile lastra di pochi millimetri di Crystal White Marble del Vietnam copre la scatola, interrotta da un bassorilievo in cui pugilato e arte entrano in una perfetta e surreale armonia. La restante parte viene laccata di un verde lucente che colora il legno pregiato sottostante.
 

Dote

In occasione del matrimonio, ad ogni ragazza del Tirolo come d’usanza veniva lasciato un elegante baule contente l’arredo di nozze: da qui l’ispirazione per la riproduzione dello scrigno. Abili mani artigiane hanno modellato con la loro esperienza e maestria il pregiato legno di larice invecchiato, componenti in acciaio inox, come le maniglie, rendono la riproduzione ancora più realistica e nell’insieme nasce un pezzo davvero unico e di grande pregio.
 

Dolomiti

Fiore all’occhiello della penisola italiana, le Dolomiti incoronanoil Paese regalando ogni giorno uno spettacolo mozzafiato. Inspirata dalla bellezza del paesaggio trentino, la pittricedipinge con colori ad olio la Val di Fassa. Seguendo gli insegnamenti dei grandi Maestri del Rinascimento italiano viene steso un fondo, prima della pittura, composto da gesso di Bologna, colla di bue, olio di lino crudo e cenere. La scatola racchiude anche uno stretto legame con la laguna veneziana: il legno infatti di cui si compone è di “briccola”, detta anche “paracarro del mare”. Questi sono pali di Rovere conficcati nel fondale della laguna e usati come attracco per le imbarcazioni oltre a segnalare le vie per la navigazione e le maree.
 

Set in Venice

Scene tratte dal volume "Set in Venice", registro dei film girati a Venezia, diventano fonte d'ispirazione per la decorazione della scatola lignea. Con un tocco di pennello, la moderna raffigurazione della laguna Veneziana entra nello scrigno garantendo una continuità tra la base e il coperchio. Sono stati utilizzati colori acrilici, carboncino e collage. La confezione è stata infine leggermente patinata e protetta con uno strato di cera.
 

Ultima Cena

Il Cenacolo vinciano, un’opera di un valore e una perfezione inestimabili, viene riprodotto con maestria sul marmo per celebrare il 500° anniversario della morte di Leonardo Da Vinci. Artista e inventore il Da Vinci diventa maestro d’arte per creare un’opera unica nel suo genere, grazie ad una lavorazione brevettata dal produttore, l’immagine dell’Ultima Cena viene raffigurata in un marmo bianco Crystal dal Vietnam spesso pochi millimetri in bassorilievo. La purezza del bianco si unisce alla solidità del marmo e alla robustezza del legno di noce americano che compone la scatola.
 

Ultima Cena

Il Cenacolo vinciano, un'opera di un valore e una perfezione inestimabili, viene riprodotto con maestria sul marmo per celebrare il 500° anniversario della morte di Leonardo Da Vinci. Artista e inventore il Da Vinci diventa maestro d’arte per creare un’opera unica nel suo genere, grazie ad una lavorazione brevettata dal produttore, l’immagine dell’Ultima Cena viene raffigurata in un marmo nero Marquina spesso pochi millimetri in microrilievo. L’eleganza del nero si unisce alla solidità del marmo e alla robustezza del legno di ciliegio che compone la scatola.
 

Bordeaux

Il Bordeaux, un colore caldo, splendido e avvolgente che prende il nome dalle tonalità del vino di origine francese diventa protagonista indiscusso di una delle scatole. La forte passione della tonalità del rosso è in perfetto connubio con la semplicità delle linee della scatola. Le maniglie di cuoio, conciato al vegetale in Italia, sono lavorate a mano e all’interno, come nelle altre opere, risalta il meccanismo d’apertura unico al mondo, brevettato e reso possibile grazie ad antichi strumenti artigianali.
 

Bacco

Se il vino è considerato il nettare degli dei come non ispirarsi alla divinità romana? A Bacco, protettore del vino e della vendemmia, viene dedicata l’opera. Il contenuto della scatola viene maggiormente valorizzato e protetto grazie al legno pregiatodi cui essa è costituita. Il tutto è impreziosito da elementi in ottone, quali la raffigurazione di Bacco, le maniglie e i piedini della scatola.
 

Richiedi Informazioni

Accetto la registrazione e il trattamento dei miei dati in base al Regolamento Europeo 679/2016 per la Protezione dei Dati Personali.